Pubblicare video (anche) su LinkedIn

Perché pubblicare video su LinkedIn? Ormai siamo abituati a vedere video su qualsiasi piattaforma social. Funzionano anche su LinkedIn, un social professionale? La risposta a questo perché ce la forniscono direttamente i numeri.

Quanto funzionano i video?

Ecco i dati sui video utilizzati in una strategia di comunicazione digitale (Email, Messanger, WhatsApp):

  • Il tasso di apertura  è 5 volte maggiore rispetto ad altri formati
  • Il tasso di risposta è 8 volte superiore

Basterebbero anche solo questi numeri per farti capire che dovresti pensare di utilizzare i video anche nella tua strategia di comunicazione. Ma se questo non è ancora sufficiente, vediamo prima di tutto perché questo formato funziona e almeno 5 buone ragioni per pubblicare video (anche) su LinkedIn.

Perché i video piacciono al nostro pubblico?

Ai nostri giorni il 67% del processo di acquisto è ormai completamente digitale. Anche gli studi recenti più pessimistici rivelano che almeno fino al 2021-2022 si riuscirà ancora a sfruttare i video nelle strategie di marketing. Il motivo è dovuto al fatto che i video toccano il livello emozionale.

Ma perché i video funzionano?

  • Riducono la distanza con l’interlocutore sfruttando tutta la comunicazione paraverbale (tono, pause, ritmi ecc)
  • Creano un rapporto più familiare
  • Velocizzano e riducono il ciclo di vendita
  • Portano ad una maggiore chiusura di contatti

5 ragioni per usare i video

I video sono dunque uno strumento importante per poter colpire l’attenzione e per essere immediati ed efficaci.

Inoltre l’uso di video ci permette di:

  1. Emergere dalla folla
  2. Ricevere risposte positive
  3. Raggiungere un pubblico in maniera personalizzata
  4. Fornire una maggiore accuratezza nel prioritizzare i Lead (attraverso l’uso e lo studio dei dati e delle analytics)
  5. Portare a un numero maggiore di trattative chiuse

E allora utilizziamoli: inseriamo i nostri video sui canali social e anche nei contatti personali via email, Messanger o anche WhatsApp. Ricordati che il nostro prospect mediamente diventa cliente solo dopo aver visto tra i 5 e gli 8 contenuti sui nostri social!

Ma attenzione: i video vanno pensati e inseriti in una vera e propria strategia di social selling. Se desideriamo vendere di più, dobbiamo  prima creare una relazione più stimolante e coinvolgente con il nostro lettore.

3 elementi da utilizzare nei video

Quando inviamo un video al nostro interlocutore, la sensazione che trasmettiamo è che questo ci abbia richiesto più sforzo di una semplice email o di un qualsiasi testo scritto. Chi riceve il video quindi si sente lusingato: gli abbiamo dedicato più tempo e un’attenzione particolare.

Facciamo sentire “speciale” il destinatario del nostro messaggio visivo!

Vediamo quali sono i tre elementi che assolutamente non possono mancare:

  1. Contenuto (non solo la nozione formativa da trasferire)
  2. Personalizzazione: utilizza elementi che facciano capire che il video non è un contenuto standard copiato e incollato. Utilizza il nome del tuo interlocutore, il titolo ecc
  3. Sii te stesso:dai sempre un tocco personale, usa il tuo modo di comunicare non cercare di copiare lo stile altrui

I prospect che riceveranno un tuo video personalizzato reagiranno con quello che viene definito effetto WOW.

Come pubblicare un video su LinkedIn

Proprio per tutti i motivi sopracitati, recentemente anche LinkedIn ha introdotto la possibilità di pubblicare video sia dai profili personali che dalle pagine aziendali. Ecco le caratteristiche che devono avere:

  1. LUNGHEZZA: devono avere una durata tra i 3 secondi e i 10 minuti
  2. DIMENSIONI: le dimensioni minime son odi 75 KB e il peso massimo di 5 GB
  3. RISOLUZIONE: da 256×144 a 4096×2304
  4. FREQUENZA fotogrammi: 10 fps – 60 fps
  5. VELOCITÀ di TRASMISSIONE: 192 kbps – 30 Mbps
  6. Si possono caricare video sia da cellulare che da desktop: da desktop si può caricare un file SRT per i sottotitoli, da smartphone si possono inserire filtri e titoli.

Quali video usare su LinkedIn?

Recentemente ho partecipato ad un corso di Video Marketing e tra le varie lezioni ho seguito quella di Leonardo Bellini autore, tra gli altri, del libro “Come usare LinkedIn per il tuo business“. Leonardo ha dato degli ottimi spunti per l’utilizzo dei video anche su LinkedIn.

Quando e dove usare i video su LinkedIn?

Usa i video dall’inizio, dal momento dell’ingaggio fino alla coltivazione del rapporto e infine alla offerta e vendita. Ecco alcuni esempi che puoi sfruttare e inserire nella tua strategia:

  • Trova i tuoi prospect e poi invia una richiesta di collegamento video personalizzata
  • Invia un messaggio di follow up
  • Invia più contenuti video nei messaggi della tua comunicazione
  • Rafforza le relazioni con un video ogni tanto

Contenuti che puoi utilizzare per i tuoi video su LinkedIn

Finora ti ho solo parlato del perché utilizzare i video su LinkedIn. Ma come la mettiamo con i contenuti?

I contenuti sono strettamente legati all’obiettivo che vuoi raggiungere:

  • vuoi promuovere un nuovo prodotto o servizio?
  • vuoi farti riconoscere come esperto del tuo settore?
  • vuoi spiegare una procedura lavorativa?

Quindi tenendo ben presente il tuo obiettivo (la meta che vuoi raggiungere) pensa a cosa dire e a cosa raccontare. Indipendentemente dal tuo settore, i contenuti che possono essere utilizzati in un video sono innumerevoli. Ecco alcuni esempi di contenuti:

1. News del settore

Usa Feedly. Feedly è uno strumento che permettere di trovare e aggregare contenuti interessanti. Scegli un contenuto e spiegalo o riassumilo attraverso un video.

2. Giornata tipo

Racconta la tua giornata lavorativa tipo.

3. Intervista

Intervista clienti soddisfatti, collaboratori o fornitori. Fatti rilasciare una recensione in formato video.

4. Book

Hai letto un libro del tuo settore: riassumi i punti fondamentali utili per il tuo pubblico.

5. Tutorial

Spiega un prodotto: come funziona, i pro, i trucchi, le scorciatoie…

6. Q&A

Rispondi alle domande tipiche che ti vengono sottoposte dai clienti.

7. Liste

Crea delle liste spiegando i vantaggi del tuo prodotto o della soluzione che proponi. Crea una per ogni funzionalità o beneficio:

  • strumenti utili
  • vantaggi di uno strumento
  • risorse imperdibili

8. Case History

Descrivi una storia di successo oppure una risorsa creata dall’azienda che possa essere di aiuto o inspirazione per altri. Puoi anche allegare un contenuto in un formato diverso (anche un pdf per esempio) ma racconta la storia in un video.

9. Mini consulenza

Registra un video con una veloce consulenza.

10. Screen Capture

Trasforma un articolo in un video: usa degli screenshoot per creare contenuti che sono piaciuti, creando uno stile slideshow.

Misura i risultati

Girare e condividere i video non basta. Devi avere un feedback per poter misurare l’efficacia dei tuoi video. E modificare o aggiustare la tua strategia di marketing di conseguenza.

Ecco alcune metriche da tener presente:

  1. Open rate: quante volte i messaggi con i video sono stati aperti? Aggiungo la parola video anche nel soggetto
  2. Click to open rate: quanti click ci sono stati sul messaggio
  3. Reply rate: quante risposte hai ottenuto
  4. Video views: numero di persone che hanno cliccato su l video o sono arrivate alla fine
  5. Attention: quante persone hanno visto il video fino alla fine
  6. Time to close integra la tua piattaforma video con il tuo CRM per poter monitore i ciclo di vendita e il tempo medio per arrivare a chiusura (vendita)

Best practice

E dopo tutte queste informazioni, ecco dei suggerimenti pratici che puoi adottare per i tuoi contenuti video su LinkedIn:

  • Qualificati: chi sei?
  • Saluta la persona che ha accettato il tuo invito di connessione
  • Condividi contenuto utile: usa micro content video
  • Sii coinciso: max 90 secondi, un solo concetto per video
  • Scrivi una scaletta di quello che vuoi dire
  • Personalizza il video:
    • metti un titolo
    • usa una foto
    • scegli i colori del tuo logo o altri (se non hai un logo) e mantienili nel tempo
    • inserisci una CTA (Call To Action)

Voglio avvertirti: se non sei a tuo agio davanti al una macchina da presa, uno smartphone o una macchina fotografica, allora magari i video non sono lo strumento adatto a te.

È altresì vero che difficilmente sarà “buona le prima”. Anzi.

Ci vorrà un po’ di tempo prima di esser naturali. Trova il tuo stile. e lascia perdere il mantra “un video al giorno” stile Montemagno. Ha funzionato per lui. Ma non è detto che debba essere anche il tuo.

Quindi non demordere!

Ma prima ricordati di sistemare il tuo profilo!

ATTIVA COOKIES